Vai a…

RSS Feed

Saturday, May 26, 2018

Studente del Dams con un asino e un telecamera attraversa l’Italia. Farà un film


A piedi da Palermo a Torino per girare un film raccontando l’Italia rurale ed eco sostenibile attraverso gli occhi di un asino,mappando sentieri dimenticati

 

Nicola Winkler studia al Dams di Torino, ha 21 anni ed attualmente è in Nicola Winkler e Fefècammino sulla Via Francigena ma da circa sei mesi, percorre i sentieri d'Italia insieme a Fefè, un asino e compagno di viaggio speciale. L'obbiettivo è quello di realizzare un film “o una traccia d'idea per un film – precisa Nicola - un filo rosso da seguire. Non ho potuto scrivere una sceneggiatura che tanto poi non avrei seguito ma l’idea è quella di raccontare un’altra faccia dell’Italia attraverso gli occhi di un asino e la sua lentezza, un’Italia rurale, eco sostenibile, che marcia verso un cambiamento dopo aver colto la sua inevitabilità.”

Nicola Winkler e Fefè

Nicola Winkler e Fefè

Un viaggio lungo, lento, intenso, iniziato da Scillato in provincia di Palermo quando ancora il sole picchiava e che prosegue tuttora in pieno inverno, fatto questo che obbliga Nicola a ponderate scelte sull'itinerario, come spiega lui stesso: “Non so se rimarrò sulla Francigena; la strada è più lunga e devo verificare se al Passo della Cisa c'è un posto coperto anche per Fefè. Avevo pensato di fare l'Alta via – continua Nicola - ma sto valutando se arrivare a Sarzana e poi seguire un sentiero per Genova prima di puntare sul Piemonte.”

Ha aperto anche un blog (Non fare l'asino) ospitato su Italia che cambia, un sito che racconta e mette in rete le realtà che stanno cambiando il nostro paese in modo etico, solidale, sostenibile e innovativo. Non fare l'asino  lancia un messaggio in questo senso e Nicola Winkler e Fefèracconta una lunga avventura ricca di stupendi panorami, suggestivi e caratteristici borghi, storie di gente cordiale ed ospitale ma anche di alcune disavventure, come la morte per malore del primo asino che accompagnava Nicola. Poi, qualche giorno dopo Nicola ha subito il furto dell'attrezzatura in una azione criminale che ha portato gravi danni anche alla struttura che lo ospitava, un fatto accaduto nel cuore della Sicilia. “Non serbo rancore a questa terra - scrive Nicola - ma ho semplicemente preso consapevolezza di una realtà antica sfortunatamente ancora molto presente, che però in molti cercano di superare e lottano per cambiare.”

Nicola Winkler e FefèUn'altra finalità del progetto è quella di condividere le tracce di antichi sentieri e mulattiere dismesse o dimenticate: “attraverso “Ammappalitalia” - spiega Nicola Winkler - cercherò di mappare più sentieri possibile per chi dopo di me vorrà continuare la lunga tradizione di muoversi a piedi degli italiani.” Intanto nei giorni scorsi i due camminatori sono arrivati a Massa Carrara accolti dall’assessora alla promozione del territorio Elena Mosti che ha consegnato del materiale informativo della città e timbrato le credenziali oltre ad avere trovato un alloggio per Nicola e Fefè. Il viaggio continua.

 

Tags: , , , ,

Altre storie daCammini

About Massimiliano Scala

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: