Vai a…

RSS Feed

Wednesday, May 23, 2018

Via Francigena, in fiamme la Sacra di San Michele. Un pozzo salva l’abbazia


Distrutto il tetto del monastero che era in fase di manutenzione. Danni contenuti (circa 500mila euro) grazie anche ad una riserva di 20 mila litri d'acqua

 

E' divampato alle 21 circa di mercoledì il grave incendio che ha interessato il tetto del monastero della Sacra di San Michele, l'abbazia in Val di Susa simbolo sacra-san-micheledel Piemonte che ha ispirato anche lo scrittore Umberto Eco con “Il nome della rosa”, arroccato dall'anno 983 su uno sperone di roccia del monte Pirchiriano. E'una delle più importanti architetture romaniche europee, centro di cultura monastica e meta secolare di pellegrinaggio internazionale, è situata lungo una variante della Via Francigena. A bruciare è stato il tetto del monastero, oggetto da alcune settimane di interventi di manutenzione, che interessa proprio l'area dove alloggiano i padri rosminiani, gli stessi a dare l'allarme ed evacuati poco dopo dai soccorsi. I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare diverse ore prima di domare le fiamme, notate anche a grande distanza, vista la posizione elevata dell'edificio ed è stata una riserva d'acqua di 20 mila litri, trovata in un pozzo per la raccolta dell'acqua piovana realizzato ai primi del novecento ad avere fornito un contributo importante per lo spegnimento delle fiamme.

Le immagini del luogo dell'incendio riprese da un drone

Le immagini del luogo dell'incendio riprese da un drone

Ieri i primi sopralluoghi che fortunatamente hanno messo in evidenza come nessuna delle preziose opere architettoniche o gli oggetti di culto siano stati danneggiati, nonostante i danni alla struttura siano ingenti (circa 500 mila euro secondo il sindaco di Sant'Ambrogio Dario Fracchia) mentre pare siano perduti per sempre alcuni documenti, tra i quali il diario della Sacra e i registri economici. Il resto della documentazione storica è stata trasferita in luoghi sicuri.  Le cause dell'incendio sono ancora da accertare anche se si esclude il dolo mentre le istituzioni sono già alla ricerca di fondi per dare il via ai lavori di ristrutturazione e il sindaco Sergio Chiamparino, durante un sopralluogo sul luogo dell'incidente dichiara di “avere già individuato risorse economiche nei fondi europei”.

Le fasi dell'incendio alla Sacra di San Michele

Il giorno dopo l'incendio

Guarda le riprese effettuate da un drone il giorno dopo le fiamme

foto grande: Man at Work - Drone Air Team  

Tags: , ,

Altre storie daCronaca

About Massimiliano Scala

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: